Titolo: Assunzione dei vigili urbani stagionali: il TAR di Lecce da' ragione al Comune.
Data: 27/10/2008 Fonte: Antonella Margarito - Il Nuovo Quotidiano
Questa news è stata letta: 2163 volte

Assunzione dei vigili urbani stagionali: il TAR di Lecce dà ragione al Comune.

News: Legittima la procedura attivata dal Comune gallipolino per l’assunzione dei vigili urbani stagionali che possono continuare a prestare servizio.
E’ questo, quanto deciso dal TAR di Lecce che ha così dato ragione al Comune, difeso dall’avvocato Pietro Quinto, ritenendo legittima la procedura e la graduatoria nel frattempo approvata dall’Amministrazione del sindaco Giuseppe Venneri. Il TAR ha inoltre confermato la decisione d’urgenza, presa in piena estate, di consentire la partecipazione al concorso di un aspirante vigile che aveva superato l’età massima di 45 anni.
La vicenda del concorso per le assunzioni stagionali dei vigili urbani aveva suscitato non poche polemiche anche tra i consiglieri di opposizione e nel particolare interessava alcuni concorrenti che in passato e per diversi anni avevano prestato servizio a tempo determinato presso il Comune. Il ricorso era stato presentato da uno dei partecipanti “esclusi” dalla graduatoria, Alessandro Bianchini, in virtù dell’introduzione nel bando, da parte dell’Amministrazione comunale, di una normativa “penalizzante” nei confronti dei vigili precari già a disposizione del Comune ionico e di nuovi e potenziali pretendenti ultra 45enni. Bianchini grazie poi alla precedente sospensiva del Tar aveva anche partecipato al concorso risultando però non idoneo, Nel ricorso al Tar si chiedeva che il Comune andasse ad attingere comunque dalla vecchia graduatoria.
Nel merito, però, i Giudici del TAR non hanno ritenuto di condividere tale tesi, accogliendo invece quanto sostenuto dall’avvocato Quinto secondo cui la vecchia graduatoria era da tempo scaduta senza alcuna possibilità di una sua rinnovata validità.
“Del resto” spiega l’avvocato Quinto, “l’Amministrazione ha inteso seguire una procedura pubblica per formare un elenco di idonei dai quali attingere in occasione dei periodi estivi o di altri periodi di punta per la Città di Gallipoli; l’Amministrazione non poteva ricorrere ad una graduatoria ormai non più valida ed in questo senso i ricorrenti non avevano neppure interesse ad impugnare gli esiti di una nuova procedura alla quale avevano pure partecipato”.








 Invia la news 
Tua e-mail:
E-mail amico :
Registrazione Domini
WWW. 
.it .com .net .eu .mobi .tv

POWERED BY ORMAG.IT